Blog di Alberto Micalizzi

Articoli Approfondimenti e Inchieste in ambito economico finanziario

AZZARDO MORALE

azzardo-morale-3

Tra le diverse opzioni d’uscita dal pantano MPS sta profilandosi quella peggiore: l’intervento dello Stato che spende soldi pubblici per salvare una banca lasciata poi sostanzialmente ad ottiche di gestione privata, con la minaccia MES che rimane comunque sullo sfondo.

Quando dico “sostanzialmente” alludo al rischio che a fronte di una partecipazione maggioritaria nel capitale di MPS il Tesoro possa comunque dare spazio ad un parterre di privati ai quali delegare da subito la gestione strategica ed operativa della banca (alcuni nomi sono già trapelati) e, in seguito, rivendere la banca stessa a questi privati una volta rimessa in sesto, ovviamente ad un prezzo inferiore al costo del salvataggio…

Sarebbe un obbrobrio etico e giuridico, e porterebbe con sé un’importante conseguenza futura, quella di spingere gli operatori finanziari a commettere “azzardo morale” (“moral hazard”): infatti, un operatore privato, convinto che nella peggiore delle ipotesi gli organismi di controllo si asterranno dal giudicare il proprio dolo e quelli di governo interverranno per sanare il problema creato, intraprenderà azioni sempre più rischiose e scellerate.

L’azzardo morale è una tecnica ed una tattica allo stesso tempo, studiata nei testi universitari moderni di microeconomia e di finanza, dove però come spesso succede il tema è privo di risvolti politici. Infatti, non ho mai letto in questi testi che l’azzardo morale è alla base del connubio tacito tra settore finanziario e organismi governativi, né che ha partorito quell’odiosa dottrina del “troppo grandi per fallire” (TBTF, acronimo di “too big to fail”) che fu spavaldamente applicata a banche del calibro di Morgan Stanley, Goldman Sachs, AIG e buona parte del gotha finanziario occidentale nel biennio 2008-2009 durante l’ultimo importante rigurgito sistemico che ricordiamo.

Oggi molte banche e corporations si fondono proprio per diventare “troppo grandi per fallire”, per sfuggire alle normative che penalizzano inesorabilmente la piccola dimensione e la proprietà familiare, che sono invece il DNA del nostro sistema economico.

E’ la logica del “libero mercato quando ci pare”, quando consente di svendere beni pubblici, privare la popolazione del controllo sui beni essenziali come l’acqua, l’energia elettrica e le telecomunicazioni, costruire elaborate operazioni di elusione fiscale, salvo poi accettare tacitamente il “non mercato” quando l’azzardo morale sfocia nel fallimento.

Proviamo a riflettere su una domanda. Quale rischio – soprattutto personale – percepirono i vertici di Banca Nomura quando nel 2009 costruirono il derivato “Alexandria” per occultare le perdite di MPS? O i dirigenti di Standard&Poor’s nel commettere la manipolazione di mercato nel 2011 per la quale sono oggi a processo a Trani? O il consiglio d’amministrazione del gruppo Fiat nel 2012 nell’eleggere domicilio fiscale in Olanda? Pressoché nessuna percezione di rischio…

Proviamo, al contrario, a pensare ad un piccolo imprenditore italiano che subisce un fallimento da 30.000 euro, o non paga un cartella esattoriale, o per colpa o dolo sbaglia una dichiarazione dei redditi…. È la sua fine personale e familiare! Qui si che il rischio è tangibile.

L’azzardo morale è ciò che alimenta l’essenza stessa della matrice finanziaria che ci imprigiona, in una tal misura che il cancro si fa corpo, estendendosi in maniera così capillare da costringere la parte ancora sana dell’organismo ad alimentarlo piuttosto che combatterlo perché combatterlo vorrebbe dire suicidarsi (proprio in ragione del principio “troppo grandi per fallire”).

Per questo oggi i Governi nazionali sono paragonabili ad un “sistema nervoso” che intercetta il problema ed agisce da pronto soccorso intervenendo per curarlo, salvaguardando quindi l’espansione della matrice finanziaria, l’aumento della propria “densità”, cioè l’intensificarsi delle relazioni incrociate tra poteri forti, dei cartelli oligarchici, dei meccanismi di appropriazione di risorse economiche dell’economia reale da parte della sfera finanziaria (meccanismi quali il debito pubblico, il MES, il “bail-in” ne costituiscono alcuni esempi).

Dunque, la matrice non è attaccabile frontalmente perché ne siamo noi stessi parte integrante,  come scudi umani involontari e causa primaria di azzardo morale da parte del settore finanziario.

Ciò detto, da qualsiasi forza politica che ponga la sovranità popolare al centro del proprio programma dobbiamo pretendere un chiaro impegno a combattere ogni forma di azzardo morale, con strumenti sia politici che giudiziari, cominciando con la nazionalizzazione formale e sostanziale di MPS, che deve diventare una vera banca pubblica con l’obiettivo di raccogliere fino a €400 miliardi presso la BCE a tassi prossimi allo zero ed intraprendere una vasta campagna di finanziamento alla micro, piccola e media impresa.

Il valore di raccolta potenziale che ho indicato non è casuale. E’ pari a circa il 20% dell’attuale debito pubblico italiano, percentuale simile a quella che la banca pubblica tedesca “KFW” detiene rispetto al debito pubblico tedesco. Infatti, nel 2015 la KFW ha riportato una raccolta di €415 miliardi a fronte di una spesa per interessi passivi di €345 milioni, pari quindi ad un tasso dello 0,1% (il nostro debito costa oggi il 4,1%…).

Questa è una delle prime scintille di cui abbiamo bisogno, certamente all’’interno di un più articolato mix di iniziative concrete, sia a livello di politica istituzionale che tramite azioni capillari sul territorio (alcune di queste iniziative peraltro sono persino compatibili con i vincoli imposti dai Trattati europei). Occorre dare ossigeno al Paese, per poi passare alla revisione dei Trattati da una posizione di minore debolezza.

La crisi di MPS ci offre in tal senso una grande opportunità di provocare un primo squarcio tra le maglie della matrice che ci imprigiona. Non lasciamocela sfuggire.

Alberto Micalizzi

Advertisements

6 commenti su “AZZARDO MORALE

  1. cristina
    23 dicembre 2016

    Sono sostanzialmente d’accordo sui gravi rischi che l’aiuto di stato implicherebbero . Attuare la nazionalizzazione della banca sarebbe anche un segno di autentica intelligenza politica. Non odo però voci a sostegno della nazionalizzazione della banca . Il MPS , al di là dell’importanza per la società e l’economia italiana ,riveste anche un forte significato simbolico per l’Europa e per il mondo . https://en.wikipedia.org/wiki/Banca_Monte_dei_Paschi_di_Siena

    Mi piace

  2. Gio Tomei
    23 dicembre 2016

    Quando la logica s’innesta sulla conoscenza il risultato appare lampante alla ragione. E più che bravo Alberto, nel tradurre il mio invito al Governo di non sprecare l’occasione sulla imposizione verso i cittadini italiani che pagano le tasse, obbligati gioco forza a sovvenire alla ricapitalizzazione di MPS, per riconoscere loro la proprietà condivisa della banca, accompagnata dalla garanzia dello Stato.
    I vincoli sull’ipotesi renderebbe la MPS para-pubblica in una prima fase, con tutte le garanzia sul nuovo CdA che ragioni nella prospettiva corretta, da cui le conseguenze.
    Un CdA che ragioni come Alberto e i vincoli che sorreggono il nuovo sistema finanziario in economia, indurranno una profonda riforma del sistema bancario.
    Solo che non accadrà, perché morale e umanità sono, per ora, dietro le quinte del proscenio della vita che conta.
    Continuo a pensare che una petizione possa scuotere l’albero, almeno della sensibilità indotta dalla conoscenza, e favorire il cammino della “Sovranità Popolare” divenuta Confederazione.
    Che poi ne sia il presidente pro tempore è davvero poco rilevante e mi cito solo per rilevare quanto i principi e i valori sociali che la sorreggono, tutti attinti dalla Costituzione del’48 da attuare in Parlamento, facciano premio sul come, lasciando il chi connotato dall’essere tutti noi cittadini, individui sociali pro attivi per il Bene della collettività.
    L’obiettivo? Per esempio, sul “come”, non potrebbe mai capitare quel che ci spinge a ragionare di chi compie l’AZZARDO MORALE, venendo meno lo spazio giuridico e il potere di riforma di governance senza contrappesi che hanno dignità e valore perchè affondano nell’etica sociale e nei diritti.

    Mi piace

  3. Chris
    23 dicembre 2016

    mi permetto di commentare un po’ off-topic: oramai sono alla soglia dei 40 anni e perciò ho visto un po’ l evoluzione della società in generale, bè, adesso nel 2016, mi sento di essere costantemente bersagliato dalle truffe: dal semplice acquisto al contratto con un fornitore, al governo che finanzio con le mie tasse e che nonostante ciò agisce in malafede. La stessa sensazione di essere vittima di continue truffe, non l avevo così accentuata vent’anni fa. Perciò, penso che pure questi salvataggi di banca, MES, perdita di sovranità, trattati internazionali capestri etc, facciano parte di questo declino sociale in continuo peggioramento. Recentemente mi è capitato di leggere alcuni paragrafi del libro Demenza Digitale di Manfred Spitzer (neurologo tedesco) che descriveva come la società stia perdendo progressivamente il proprio pensiero critico, la capacità d attenzione e riflessione profonda a causa del bombardamento mediatico/informatico quotidiano. Ecco, forse spiegato il perchè della lassità popolare nei continui sopprusi che ci vengono continuamente perpetrati. E’ una tristezza…

    Liked by 1 persona

  4. Gio Tomei
    14 febbraio 2017

    Assolutamente centrato il commento e la notazione fatta da Spitzer. Una riprova? Il contratto unilateralmente modificato da PayPal, è una chicca da non perdere e troppo lungo per inserirlo qui, ma definisce ad hoc la deriva dei tempi “unilaterali”.

    Liked by 1 persona

  5. Giuseppe Gallieni
    3 marzo 2017

    Condivido in sintesi la metafora “che il cancro si fa corpo”. Che il male che tutti subiamo in questa epoca in tutti i campi sia riconducibile all’assenza di freni inibitori nell’azione degli individui è abbastanza palese. E’ anche ovvio che le responsabilità sono di tutti, ma in ragione del peso sociale che ciascuno possiede.
    Quello che mi turba particolarmente è il fatto che una volta le persone più potenti avevano anche la possibilità di evolvere di più in cultura e responsabilità e ciò costituiva anche garanzia per tutti coloro che non erano alla loro altezza. Oggi sembra invece che proprio chi è più in alto nella scala sociale e detiene maggiori poteri abbia come unico obiettivo quello di schiacciare gli altri senza farsi altri scrupoli oltre quello di apparire. La menzogna pervade ogni cosa, sta diventando sostanza. Condivido anche che i governi nazionali rappresentino un argine a tale espansione, ma occorre individuare farmaci per potenziare la parte sana dell’organismo poiché negli stati democratici la parte sana è quella che è rimasta esclusa dalla gestione degli stessi e per questo debole e incompetente.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 dicembre 2016 da .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: